venerdì 24 marzo 2017

il lavoro mobilita l'uomo


Osserva, escrementa e impana























Eppure, è stato detto.

Tanto per fare concorrenza al mio socio in affari Antonio Di Stefano (quel tale dello Stupidario Medico):


-Mi dia un gratta e frega


-Lo so che non ci crederai: ho vinto la vittoria


-I peggioramenti possono essere anche in meglio


-Non pretendo di conoscere tutto lo scisma umano


-Anche se abbiamo litigato, non mi va di rompere i legamenti


-Quel che mi piace di più fisicamente in una donna è lo sguardo



-L'autore dello strafalcione precedente, come avete capito, è un bugiardo!

Scrupolo professionale




www.robertomangosi.com

A PROPOSITO : LA PAMPERS HA ASSORBITO LA LINES


LA FELICITA' E' UNO STATO DELLA MENTE




www.robertomangosi.com

Finalmente è Venerdì


www.robertomangosi.com

C'era chi, illo tempore, lo aveva intuito


www.robertomangosi.com

il Sahara è un deserto, e su questo non ci piove (Cit.)


giovedì 23 marzo 2017

Sicilia Isola DOC

L’intera Sicilia è una dimensione fantastica.
Come si fa a viverci senza immaginazione?
[Leonardo Sciascia]

La Sicilia  è figlia di 13 dominazioni straniere. 
Gli abitanti hanno geni Cartaginesi, Greci, Romani,
Vandali, Bizantini, Arabi, Normanni, Svevi, Angioini,
Spagnoli, Piemontesi, Austriaci, Borboni e,
nel 3° millennio, i Tedeschi della Merkel.

Difatti i Siciliani sono una shakerata di:
-speculazione filosofica (Greci)
-senso dell'ospitalità (Arabi)
-fierezza (Normanni)
-focosità e passione (Spagnoli)
-arte di arrangiarsi, per non finire sotto i ponti (Barboni) 

Chi voleva occupare l'Italia, doveva sottomettere la Sicilia.
Ecco perchè la Trinacria, giogoforza,  è una Terra DOC!
Tanto per dire, DOMINAZIONE ORIGINE CONTROLLATA!




Signor Giudice, mi sento tra l'anguria e il martello!



Si può ridere della mafia?
Signor Giudice, mi sento tra l’anguria e il martello
dimostra che si può e forse si deve.
Attraverso una spassosa selezione di autentiche balordaggini
(vere e proprie gag comiche), svela l’altra faccia della Piovra;
un sottobosco di boss illetterati e patetici padrini con
le loro peregrine citazioni pullulanti di prove scaccianti,
persone minacciate dalla spada di Damacca ma che a
collaborare non hanno mai avuto il minimo tintinnamento.

D’ora in poi, quello che diranno potrà essere usato contro di loro.
Loro, guappi che paiono aver perso la guapperia e
acquistato il senso dell’umorismo, che per sottrarsi
alle responsabilità si creavano l’alito, che hanno sempre
vissuto allo stato ebraico e ci hanno avuti alla loro mercedes.

Suscita meraviglia leggere gli sproloqui esilaranti
dei cosiddetti uomini d’onore, a loro agio più con
la condizionale che con il congiuntivo,
e vedere sgretolarsi nel ridicolo la loro picciotesca baldanza,
dissolversi in una barzelletta la loro feroce spocchia gangsterica:

«Pronto, Avvocato, mi può dire se il processo di mio marito
lo faranno al Tribunale oppure nell’aula hamburger?»;
o ancora:
«Signor Giudice, mio cugino non era contuso con la Mafia».
 Spigolature curiose e aneddoti riferiti dai diretti protagonisti
(come Falcone e Andreotti) completano l’ameno compendio
di farsesche trascrizioni, tanto più incredibili
quanto più genuine e testuali.
È così, in definitiva, che questo libro,
pur non avendo velleità di saggio o di studio antropologico,
da una parte assume un notevolissimo e inedito
interesse documentario, e dall’altra, ciò che più conta,
ci tira su il molare.

Lino Buscemi, avvocato, docente di Comunicazione pubblica,
giornalista pubblicista, dirigente della Regione Siciliana,
già funzionario ispettore della Commissione Antimafia dell’ARS,
è osservatore attento della realtà siciliana.
Ha pubblicato numerosi saggi, monografie e articoli
su argomenti di carattere sociale, storico e giuridico
e per Navarra Editore ha già pubblicato Sconosciuti & Dimenticati.
 Monumenti, luoghi e personaggi di Palermo (2009).

Antonio Di Stefano, ha pubblicato tra gli altri:
-Dottore ho i dolori aromatici (Mondadori)
-Non prenda niente tre volte al giorno (con Pippo Franco)
-Qui chiavi subito (con Pippo Franco, Mondadori)
-L’occasione fa l’uomo ragno (con Pippo Franco, Mondadori)
-L’ultimo chiuda la Morta!!! (con Lino Giusti)

Roberto Mangosi, autore del disegno della copertina.

Per acquistare il libro clicca qui.

Anche in Italia si festeggia la Giornata Mondiale della Liberta' di Stampa




L'ho appena appreso da Radio Londra

Ango Lino Aforisma


-Se lo fai alla luce del sole, 
difficilmente pagherai bollette salate.


-Alle volte non basta dirlo con tutto il cuore; 
coronarie comprese.


-Ci sono tipi che se vanno giù dal piedistallo, 
cascano sempre all'impiedi.


-C'è chi, non solo non lo fanno salire sul 
carro dello sconfitto ma, glielo fanno spingere.


ChaoLin