giovedì 7 dicembre 2017

Perchè sono favorevole al burqa

Se ti scappa la pipì ... e non riesci ad acciuffarla,
ti devi accontentare anche di un cesso di gabinetto.
E finire, inesorabilmente, tra gli artigli della Tazza Ladra.




Anche nel momento del bisogno è sempre meglio
concordare il prezzo prima perchè, poi,
andando a briglia sciolta ,
te la potrebbero far cagare cara!
Oppure, è sempre meglio fare come
un mio amico gay che poverino costretto a
BATTERE IN RITIRATA, 
è costretto a portarselo sempre dietro ... il bagno chimico!





Tutto questo succede perchè, oggi,
non si trovano più in giro quei
caratteristici bagni ben arieggiati e ventilati:




















Personalmente, essendo sempre in viaggio
per motivi di lavoro, ho dovuto strizzare
le Meningi e centrifugare la Pia e Dura Madre.
All'inizio avevo optato per un modello tipo
"U zio Peppe u gassosaru".




















Ma, visto il layout ed il packing poco accattivanti,
ho rinunciato.
Fortunatamente, poi, avendo conosciuto
un'afghana alle Nozze di Ghana, ho avuto un'idea luminosa!
Praticamente, mi sono confezionato un burqetto portatile.







Penso, abbiate capito che pesa solo 100 grammi.
Al primo stimolo, senza bisogno di farsi dire
dal cassiere del Bar che il WC è guasto,
ci si apparta fuori dal centro abitato, e .....




Unico neo:
per non creare attorno a me un alone d'inibizione,
devo necessariamente riempire lo sciacquone di Chanel 5!



































Altrimenti i miei interlocutori mi
accoglierebbero con un lapidario:

Distanti saluti.

Nessun commento: